enzopost

Idõ  5 nap 9 óra 19 perc

Koordináták 6557

Uploaded 2020. szeptember 24.

Recorded augusztus 2014

-
-
818 m
295 m
0
109
218
436,23 km

Megtekintve 55 alkalommal, letöltve 0 alkalommal

közel Braşov, Braşov (România)

La Transilvania è una Regione di rara bellezza e avvolta dal mistero ai piedi dei Carpazi, caratterizzata da un bellissimo paesaggio naturale e da alcune delle città medievali meglio conservate in Europa. Nella sua storia la Transilvania è stata abitata anche da Magiari, Tedeschi, Ebrei che vi hanno lasciato una forte eredità architettonica, culturale e gastronomica.
Partiamo da Brasow la principale città della Transilvania per importanza culturale e commerciale e si trova quasi al centro della Romania a 170 chilometri da Bucarest. Fondata dai cavalieri teutonici nel 1211 e fortificata dai Sassoni, la città è un dedalo di stradine, facciate barocche e guglie gotiche. La pittoresca cittadella medievale è circondata da mura costruite nel XV secolo, alte 12 metri, lunghe 3 chilometri e con 7 bastioni, e qui si trovano la Chiesa Nera, la più grande chiesa gotica in Romania, la Strada Rope o Sforii, la via più stretta d’Europa che collega via Cerbului con via Poarta Schei, la Cattedrale di San Nicola e la bellissima Piazza del Municipio, o Piata Sfatului, circondata da strutture barocche e case mercantili con al centro il vecchio palazzo amministrativo che Risale al 1420 e oggi ospita il museo di storia della contea
Usciamo da Brasow sulla statale 11 che seguiamo fino al bivio per Harman dove si trova la prima la chiesa evangelica fortificata del tour; dalla strada principale si gira a sinistra verso Bod. Qui proseguiamo per Halchiu e quindi seguiamo le indicazioni verso Bran/Zamesti. A Vulcan proseguiamo dritto e all’ingresso di Zamesti deviamo a sinistra verso Bran dove sorge il Castello di Dracula. Misterioso e suggestivo anche grazie alla sua architettura gotica, alle alte torri e alle mura bianche, fu costruito nel XV secolo in posizione dominante sul villaggio. Proseguiamo quindi verso Predeulet e, su una bella strada sterrata superiamo i monti Bucegi (815 m) e si arrivamo a Zamesti.
Da Zamesti prendiamo la strada 73° in direzione Sinca. Una bella strada che si arrampica sui monti Fagaras fra boschi e prati e tocca Poliana Marului, Sinca Noua, da dove una deviazione ci porta al Monastero, e Sinca Veche dove visitiamo il Monastero ricavato in una grotta (strada a sinistra 3 km in salita). Usciti da Sinca Vecha nuova breve deviazione nel villaggio di Ohaba per visitare il vecchio mulino restaurato. Ritorniamo sulla strada principale che ci porta a Sercaita, Bucium, Margineni e. all’ingresso di Sebes giriamo a destra verso Fagaras; attraversiamo Harseni, Ileni e la degradata e povera periferia di Fagaras. Il centro invece cittadino è ben tenuto ed è dominato dalla fortezza del XIV secolo.
Usciamo da Fagaras verso nord, costeggiamo la fortezza e attraversiamo il fiume Olt sulla strada 104d che scavalca i monti (m 600) e porta a Soars. Non entriamo in Soars ma proseguiamo verso nord sulla 105a e scolliniamo (m 615) raggiungendo Valeni dove troviamo un confortevole bar-emporio. Proseguiamo sulla strada asfaltata e attraversiamo Lovnic, Jibert e Dacia, tipici villaggi rurali che si sviluppano lungo strada principale. Al bivio per Dacia andiamo a sinistra lungo una sterrata che ci porta a Viscri, considerato uno dei villaggi più interessanti e meglio conservati e dichiarato patrimonio dell’umanità per la sua chiesa fortificata del XII secolo.
Invece di ritornare sui nostri passi, decidiamo di fare un percorso alternativo a quello indicato ma con sorpresa! Da Viscri proseguiamo verso ovest, raggiungiamo Bunesti e prendiamo la trafficata statale 13 verso Saschiz seguendola per poco meno di 3 km. Lasciamo la strada per Crit e,appena entrati nel villaggio giriamo a sinistra per Mesendorf dove sorge un’altra interessante chiesa fortificata. Qui abbiamo la sorpresa: la strada per Granari, segnata sulla mappa, supera il villaggio e …finisce in un bosco. Il sentiero si riconosce appena e proseguiamo sul crinale della collina fino a Granari dove riprende la strada (appena asfaltata) e ci riporta sulla 105a, al villaggio di Valeni e quindi a Soars. Entriamo nel paese e prendiamo a destra la sterrata 101d in direzione Retis; qui la strada diventa asfaltata e ci porta a Bradeni dove troviamo una bella chiesa fortificata del XIV secolo. Prendiamo la strada 106 in direzione nord e attraversiamo Apold dominata dalla caratteristica chiesa fortificata del XII e XIV secolo costruita in posizione strategica sulla cima di una collinetta. Proseguiamo per Saes e quindi Sighisoara.
Sighișoara, dichiarata Patrimonio dell’Umanità dall’Unesco, è la città più romantica della Romania grazie al suo grazioso borgo medievale, piazze caratteristiche e antiche mura. Fondata dai Sassoni alla fine del XII secolo, Sighișoara raggiunge il suo massimo splendore nel XV secolo quando diventò una città libera. Questo gioiello architettonico ha 9 torri delle 14 originarie, possenti bastioni, case medievali e un magico insieme di tortuose viuzze acciottolate, ripide scalinate, piazzette appartate e un’ incantevole cittadella perfettamente conservata. All’ingresso della Cittadella è posta la Torre dell’Orologio o del Consiglio poiché ospitava le assemblee cittadine, risale al XIII secolo e vanta un interessante carillon e un tetto in ceramica. In via Tin al numero 1, tra la piazza della cittadella e la torre dell’orologio , si trova la Casa di Vlad Dracul dove Vlad Tepes, Principe della Valacchia detto l’impalatore. è nato nel 1431 e visse con il padre, Vlad Dracul fino al 1435 quando si trasferirono a Targoviste. Interessanti anche la chiesa tardogotica del Monastero Domenicano e la gotica chiesa sulla collina, o Biserica din Deal raggiungibile con una scala in legno rivestito, conosciuta come la Scala degli studiosi.
Da Sighisoara per non percorrere la trafficata statale 14 abbiamo preso il treno con trasporto biciclette fino a Dumbraveni e da qui abbiamo raggiunto Biertan. Dichiarato Patrimonio dell’Umanità dall’ Unesco nel 1993, il complesso architettonico di Biertan non solo ha un alto valore estetico ma ha conservato in maniera eccezionale il nucleo del XV – XVI secolo. Tre livelli concentrici di mura difensive di 35 metri di altezza, collegate da sette torri e porte (segnaliamo la Torre dell’Orologio, il campanile e la Torre dei Vescovi), circondano il complesso e rendono la chiesa una vera roccaforte. La chiesa a tre navate fu edificata tra il 1495 e il 1516 in stile tardo gotico con elementi rinascimentali e barocchi e vanta il più grande altare ligneo della Transilvania.
Da Biertan proseguiamo verso Richis salendo ai 600 m del passo e quindi prendiamo la strada a destra e scendiamo a Mosna e poi a Medias.
Mediaş possiede un centro storico di origine medievale ben conservato, con numerose torri che facevano riferimento alle diverse corporazioni, la più alta delle quali è la torre dei trombettieri, alta 70 metri, costruita nel XIII secolo e più volte rialzata nei secoli successivi. Notevole la chiesa di Santa Margherita prima chiesa della città edificata fra il 1414 e il 1488 con interessante interno e un prezioso dossale.
Ritorniamo verso Mosna e visitiamo la chiesa fortificata del 1385, quindi proseguiamo verso sud per Polisor e quindi Barghis con una chiesa del XVII secolo. Giriamo a destra verso Ighisu Vechi e proseguiamo fra dolci colline verso sud attraversando i villaggi di Altana, Nocrich (facciamo una piccola deviazione per vedere il portale romanico della chiesa di Hosman), poi Curcatel. Un’ultima salita a 530 m e arriviamo a Sibiu.
Sibiu è una delle città più belle e turistiche della Romania grazie al suo particolare e unico patrimonio architettonico. Fondata nel 1190 dai Sassoni su un antico insediamento romano, chiamato “Cibium”, nella Regione della Transilvania, Sibiu era la più ricca delle 7 cittadelle murate e si trovava lungo la strada del commercio tra oriente e occidente. Diviso in Città Alta e Città Bassa, il centro storico di Sibiu ha strette e ripide strade su cui si affacciano edifici del XVII secolo dai caratteristici tetti a timpano, vaste piazze e torri di difesa. Nella Città Alta si trovano 3 piazze: la Piata Mare, o Piazza Grande, con la chiesa barocca romano-cattolica, la Torre del Consiglio del XIII secolo e il Palazzo Brukenthal in stile tardo barocco, la Piazza Piccola, o Piata Mica, fiancheggiata da negozi e caffetterie, e Piaaza Huet dove si trovano diversi edifici gotici e la Cattedrale evangelica in stile gotico e risalente al XIV secolo. La Città Bassa è più rustica ed è collegata alla parte superiore dal Ponte delle Bugie, il primo ponte in ferro battuto della Romania.
Menedékház

Apollonia Htl

Provisioning

Bar Valeni

Valeni
Provisioning

Bar Curnatel

Curcatel
Waypoint

Dacia

27-AGO-14 12:46:17
Waypoint

Bunesti

28-AGO-14 9:16:56
Menedékház

Caroline Pne

Menedékház

Daina Pne

Fagaras
Menedékház

Elena Pne

Zamesti
Waypoint

Grinari

28-AGO-14 11:36:52
Menedékház

Imp Romanilor

Waypoint

Mesendorf

28-AGO-14 10:08:08
Vallási helyszín

Monastero

Sinca Noua
Vallási helyszín

Monastero!

26-AGO-14 12:24:41
Waypoint

Mulino

26-AGO-14 14:00:58
Menedékház

Sighisoara Htl

Hotel Sighisoara Hotel
Menedékház

Traube Htl

Piata Regele Ferdinand I

Hozzászólások

    You can or this trail