-
-
181 m
-5 m
0
2,9
5,7
11,46 km

Megtekintve 1346 alkalommal, letöltve 31 alkalommal

közel Chia, Sardegna (Italia)

Percorso che ricalca in parte la strada consolare romana che collegava Nora a Bithiae, torre di Chia. Evitare le ore più calde. Bei panorami sulla costa e sull'interno.
estratto da www.caicagliari.it
Il territorio di Chia e la Costa del Sud si trovano nell’ampio Golfo di Cagliari nella Sardegna Sud-Occidentale. La zona è caratterizzata da un antichissimo nucleo di rocce, probabilmente risalenti al Pre-Cambriano, che affiora proprio nell’estremo settore meridionale, presso Chia, Capo Spartivento e M. Filau. E’ costituito da scisti cristallini e gneiss, ossia rocce fortemente metamorfosate, per questo difficilmente databili con certezza. Il paesaggio è caratterizzato dal complesso di Monti Sa Guardia che si sviluppa a ridosso del tratto marino-costiero, cosi pure si configura il complesso di Monte Sa Guardia Manna sul quale si struttura il sistema a baie e promontori di Capo Spartivento.

L’area presenta una elevata valenza naturalistica e paesaggistica per il sistema dei promontori di Capo Spartivento e della torre di Chia, le scogliere, le piccole isole e i versanti montani. Nell’entroterra, vaste superfici di formazioni boschive ( leccio ) con un ricco sottobosco) e formazioni di macchia chiusa ( fillirea ), corbezzolo, olivastro.

Il territorio, in direzione Sud-Ovest, e sino Capo Spartivento, è caratterizzato da aree abbastanza pianeggianti ad elevata utilizzazione agricola e turistica. La fascia di costa che si estende fino a Capo Teulada, presenta una linea più frastagliata, un rilievo più aspro e una minore utilizzazione turistica e agricola. In questa area le morfologie pianeggianti sono circoscritte quasi esclusivamente agli stagni retrodunali di Chia, Stangioni de Su Sali, Piscinnì e alle Peschiere di Capo Malfatano e di Teulada.

La Costa del Sud è una delle aree più calde e aride della Sardegna. Ciò è ampiamente dimostrato dalla flora e dalla vegetazione naturale che si rinviene sia nell’area costiera, sia in quella collinare esposta a mare. Lungo il litorale ritroviamo il cisto e la lavanda, le macchie a olivastro e lentisco e la boscaglia a ginepro che, nelle zone di Chia e Teulada raggiunge, il suo massimo splendore.

Inoltre troviamo gli oleandri lungo i torrenti.

Nella parte costiera, la fauna più caratteristica è certamente rappresentata dalle numerosissime specie ittiche, da crostacei e da molluschi che trovano un habitat nelle zone rocciose. Tra le specie più rare di questa fantastica fauna pelagica, merita di essere ricordata la tartaruga marina. Nella zona che dal Capo Spartivento si spinge sino a C. Teulada è possibile osservare i delfini. Nelle zone lagunari di Teulada, Piscinnì e Chia troviamo l’interessante avifauna acquatica: il fenicottero, l’airone bianco e, tra i rapaci, il falco di palude e il rarissimo falco pescatore, insieme al gabbiano corso. Verso l’interno nelle zone coltivate e collinari è facile incontrare il riccio, la lepre sarda e il coniglio selvatico e, non di rado, la volpe e la donnola. Le zone montane sono il regno del cervo sardo e del cinghiale.

Hozzászólások

    You can or this trail